Azienda

L’azienda Perusini è tra le 50 happy few iscritte da Veronelli nel Gotha dei vignaioli storici italiani. Infatti nel secolo scorso quando ancora imperava la moda dei vini francesi, Giacomo Perusini, nonno dell’attuale proprietaria iniziò la selezione e salvaguardia di alcuni vitigni autoctoni (in particolare il Picolit).
Dopo la sua morte prematura nella prima guerra mondiale il suo lavoro fu continuato dalla moglie Giuseppina Perusini Antonini, pittrice, scrittrice, ma anche abile donna d’affari, che iniziò il rilancio dei vini friulani nel mercato nazionale ed internazionale. Suo figlio Gaetano, professore all’Università di Trieste, continuò ed ampliò la ricerca sull’agricoltura ed i vitigni tradizionali, mentre l’altro figlio Giampaolo proseguì in particolare la selezione della Ribolla Gialla.



Ora il castello di Rocca Bernarda, sede storica della famiglia, è passato per legato testamentario di Gaetano Perusini all’Ordine di Malta insieme a parte dell’azienda, ma la tradizione familiare continua nella parte rimasta sul colle di Gramogliano lambito dal fiume Judrio fino al 1918 confine tra l’Italia e la Monarchia Austro-ungarica.
Oggi conduce l’azienda Teresa figlia di Giampaolo. Come lo zio e la sorella è storica dell’arte ma anche appassionata viticultrice. Nella gestione dell’azienda è oggi aiutata dal marito Giacomo e dai figli Carlo, Tommaso e Michele. Così la tradizione familiare continua sul colle di Gramogliano noto da secoli , come quello di Rosazzo e della Rocca, come i cru hors classe dei Colli Orientali del Friuli